Il sito delle Regole auronzane al 01.03.2017

Da qualche tempo è apparso online il sito delle Regole d’Auronzo con tanto di mappe dell’accordo e una relazione sui presupposti legali che starebbero alla base di tale atto.

Dopo aver visto nei mesi scorsi cambiare le carte in tavola parecchie volte, sia per quanto riguarda le mappe che per i presupposti legali dell’accordo, abbiamo pensato di “fotografare” le informazioni sull’accordo fornite dal sito ad una certa data e di salvarle all’interno di questo blog rendendole disponibili per chiunque, in modo che la discussione abbia punti fermi: se avverranno delle modificazioni a tali informazioni, queste verranno opportunamente segnalate ai regolieri e starà ai consigli delle due Regole spiegarne le motivazioni.

Di seguito, ecco i dati e le mappe tratte dal sito regoleauronzo.it al 01.03.2017 alle ore 15: cliccando sulle immagini e sugli allegati è possibile visualizzare e scaricare i files.

 

HOME PAGE

http://regoleauronzo.it/

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-27-48

LO STATUTO DI VILLAGRANDE

http://regoleauronzo.it/di-villagrande.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-28-22

LO STATUTO DI VILLAPICCOLA

http://regoleauronzo.it/di-villapiccola.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-29-18

NOVITÀ/ASSEMBLEA 17.12.16

http://regoleauronzo.it/assemblea-17.12.16.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-30-24

NOVITÀ/BOZZA DI ACCORDO

http://regoleauronzo.it/bozza-di-accordo.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-31-07

NOVITÀ/MAPPE

http://regoleauronzo.it/mappe.html

Foto della pagina:screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-31-56

legenda

legenda

Allegati:

NOVITÀ/MAPPE MODIFICATE

http://regoleauronzo.it/mappe-modificate.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-32-32

Allegati:

NOTA: c’è un errore di denominazione per il foglio della val fonda che è l’11 e non il 119

L’asilo ed il suo cortile sono regolieri

Con una delibera di fine dicembre, il Comune di Auronzo ha concesso la costruzione di un’autorimessa privata nel sottosuolo del cortile dell’asilo, ma un paio di mamme auronzane ha sollevato il dubbio che il terreno in questione possa essere di proprietà regoliera e che quindi la delibera sia illeggittima: vediamo come stanno le cose.

Sulle mappe

Per risolvere la questione dobbiamo innanzitutto trovare il numero mappale dell’asilo nelle tavole del catasto tavolare, il cosiddetto “vecchio catasto”: ecco dunque un estratto di mappa che mostra piazza Vigo a metà degli anni 30, qualche anno dopo la costruzione dell’asilo:

CLICCA PER INGRANDIRE

CLICCA PER INGRANDIRE

L’estratto di mappa è orientato nord-sud e si riconoscono facilmente gli edifici e le vie che esistono ancora oggi. Per individuare quale sia l’asilo ed il suo numero mappale ho messo in paragone la mappa con un’immagine satellitare attuale:

CLICCA PER INGRANDIRE

CLICCA PER INGRANDIRE

Il numero mappale dell’asilo è dunque il 2142 ma è scritto in corrispondenza del cortile e non dell’edificio che invece non ha numero: questo perchè, nelle mappe catastali, gli edifici e i terreni adiacenti che hanno lo stesso proprietario vengono “legati” dal simbolo di una graffa, come nel caso dell’asilo del suo cortile:

CLICCA PER INGRANDIRE

CLICCA PER INGRANDIRE

L’asilo ed il suo cortile hanno dunque lo stesso numero mappale e lo stesso proprietario e ciò mette a tacere per sempre le voci secondo cui essi potessero avere proprietari diversi.

L’intestazione catastale

Ora che abbiamo il numero mappale dell’asilo e del suo cortile nel catasto tavolare possiamo verificare sui registri chi ne sia il vero proprietario. Il mappale 2142 del Censuario di Villagrande ha come intestatario:

«Comune di Auronzo (Generale)»

E qui abbiamo la prima grande smentita delle affermazioni del Comune: se l’asilo e il suo cortile fossero infatti di proprietà comunale l’intestazione sarebbe stata semplicemente «Comune di Auronzo», ma c’è un “(Generale)” in più che indica che il proprietario è qualcun’altro.

Con “Generale” s’intende infatti “Comun Generale” e cioè l’insieme delle due Regole auronzane, Villagrande e Villapiccola, questo perchè a quegli anni il Comune non disponeva di un sistema di introiti (tipo tasse) tale da potersi permettere la costruzione di opere pubbliche: a ciò provvedevano invece i regolieri con i proventi dei tagli boschivi, ma visto che le Regole non erano riconosciute ufficialmente, l’unico ente in paese in grado di fare le veci dei regolieri nei registri del catasto era solo il Comune municipale. Ciò non si è tradotto però in un dono dei regolieri al Comune e quel “Generale” sta proprio a rimarcare che il Comune è solo un prestanome dei regolieri auronzani che sono invece i veri proprietari dell’asilo e del suo cortile.

Conclusioni

I sospetti delle mamme sono dunque fondati, la delibera in questione è illeggittima e va ritirata: il Comune infatti non può fare concessioni su terreni di cui non è proprietario e sembra proprio che, mettendo quel “(Generale)” oltre a “Comune di Auronzo“, gli auronzani di allora avessero voluto prevenire situazioni come quella di cui stiamo parlando oggi: l’asilo ed il suo cortile sono stati costruiti esclusivamente per il bene dei figli degli auronzani ed il Comune farebbe bene a ricordarselo.

Assemblea sul maxi parcheggio: facciamo il punto

Durante l’assemblea del 7 gennaio sul finanziamento ottenuto dal Comune di Auronzo per la rete ciclabile, è stato finalmente presentato anche il maxi parcheggio in previsione a Misurina.

Un progetto controverso

Durante l’incontro, è stata mostrata una bozza del progetto del parcheggio:

foto-park

…bozza che ho riadattato su un’immagine satellitare della zona:

foto-park-satellite

Come annunciato, il parcheggio avrà un’impatto ambientale enorme: sarà lungo 200 metri e largo 30, e basta confrontarlo con gli elementi presenti nella foto per capire di che razza di mostro di cemento stiamo parlando.

Confermata quindi anche la posizione centralissima fronte lago, nonostante sia gli operatori del luogo che il Comitato per la salvaguardia di Misurina abbiano da tempo segnalato al Comune che, in quella posizione, il parcheggio creerà problemi di traffico.

Confermata anche il numero stratosferico di posti auto, ben 280 posti contro i circa 120 che verranno effettivamente sostituiti lungo lago. Se, in una struttura nuova, è comprensibile costruire qualche posto auto in più del necessario, in questo caso la capienza prevista rimane inspiegabilmente elevata, ancora di più visto che, con questi numeri, il parcheggio non servirà assolutamente a chiudere la strada delle Tre Cime.

Tra l’altro, neanche a farlo apposta, la foto satellitare di Misurina fornita da Bing è stata scattata in autunno e nel parcheggio fronte lago, quello che dovrebbe essere sostituito dal nuovo parcheggio, ci sono cinque macchine contate! Tranne qualche settimana estiva, infatti, il parcheggio rimarrà praticamente inutilizzato per tutto l’anno.

La ciliegina sulla torta

Ma la vera “notizia bomba” dell’assemblea è stata che il parcheggio sarà semi-interrato e cioè che, oltre al fronte, anche tutto il tetto o parte di esso rimarrà fuori terra.

Ciò significa che l’opera avrà dunque un impatto visivo pazzesco su Misurina, poichè sarà visibile da ogni angolo della vallata, con l’aggravante che sarà lunga ben 200 metri in posizione sopraelevata a ridosso del lago.

La scusa di migliorare l’estetica e la naturalità di Misurina non sta dunque più in piedi e per togliere qualche auto parcheggiata lungo lago verrà creato, qualche metro più in là, un mostro di cemento visibile a chiunque visiterà la perla e le sue montagne; la bruttura del maxi parcheggio diventerà parte permanente del paesaggio, sfregiando l’incanto di Misurina per sempre.

Conclusioni

I dettagli emersi durante l’assemblea del 7 gennaio segnano un vero e proprio spartiacque nella discussione sul maxi parcheggio: tutti gli argomenti che il Comune aveva fornito per giustificare il nuovo maxi parcheggio sono stati spazzati via ed ora rimane solo un’unica grande domanda, che risuona più forte che mai: a cosa serve DAVVERO quest’opera???