Categoria: Misurina

Tre aree molto speciali che non rimarranno regoliere con l’accordo

Nell’articolo scorso abbiamo visto che, nelle mappe dell’accordo tra regole e Comune, esistono numerosi mappali con una colorazione verde rigato che non rimarranno regolieri, ma subiranno una sorte ignota. A ben vedere però, queste aree contengono cose molto speciali…

1 – Il parcheggio delle Tre Cime

Una delle aree color verde rigato più estese riguarda le crode, i ghiaioni ed i piani delle Tre Cime:

CLICCA PER INGRANDIRE

e proprio sul ghiaione della Cima Ovest c’è il parcheggio delle Tre Cime:

CLICCA PER INGRANDIRE

Come si può osservare, il parcheggio si trova in piena zona verde rigato e dunque non rimarrà regoliere con l’accordo, fatto confermato dalla stessa bozza d’accordo in cui non si parla affatto della proprietà del parcheggio, ma solo della percentuale sugli incassi che spetterebbero alle regole.

2 – Le piste da sci di Misurina

Altra area interessata dalla colorazione verde rigato è tutta la zona che sovrasta il lago di Misurina su fino ai Cadini. Se confrontiamo queste mappe con quelle fornite dal Piano Neve Regionale ci si accorge subito che le aree verde rigato corrispondono all’area dove si possono costruire nuove piste e nuovi impianti, il cosiddetto “demanio sciabile”:

CLICCA PER INGRANDIRE

Nonostante le piste da sci possano rimanere in gestione alle regole fruttando incassi di tutto rispetto, la colorazione verde rigato indica chiaramente che, con l’accordo, esse non rimarranno regoliere.

3 – La zona del lago Antorno

Un altro mappale da ben 52 ettari di estensione è di color verde rigato, nei pressi del lago Antorno:

CLICCA PER INGRANDIRE

Guardando la mappa fornita dalle regole, c’è da chiedersi cos’abbia di diverso questo mappale rispetto a quelli circostanti; a ben vedere però, anche i mappali in prossimità del lago presentano una situazione quanto mai anomala:

CLICCA PER INGRANDIRE

I mappali 33 e 11 sono infatti colorati di rosso, il colore delle aree parcheggio che le Regole intendono cedere al Comune, ma, osservando l’immagine satellitare, si nota chiaramente che le aree in rosso sono di gran lunga più estese dei parcheggi effettivamente esistenti.

A cosa serve al Comune un’area parcheggio così vasta al lago Antorno? Una possibile risposta l’abbiamo già imparata con il maxi parcheggio di Misurina: all’aumentare dei posti auto, si possono creare nuovi posti letto e quindi nuove strutture alberghiere, strutture che troverebbero la collocazione ideale proprio nell’area verde rigato posta di fronte al lago.

Conclusioni

Tutte le aree che abbiamo analizzato portano con sè forti interessi economici, interessi che le regole perderebbero tramite la firma dell’accordo: ne sono consapevoli i due consigli regolieri che hanno «lavorato mesi» sulle mappe??? A questo punto, è difficile credere il contrario.

Annunci

Una strana colorazione nelle mappe dell’accordo

Nell’articolo scorso abbiamo visto che le Regole auronzane hanno pubblicato online le mappe dell’accordo col Comune: è bastato osservarle per qualche minuto per capire che qualcosa non torna.

Le aree a color verde rigato

Nei fogli 1, 3, 4, 13, 15, 17, 18, 42, 46, 116 e 118 troviamo infatti una colorazione “verde rigato” differente dal “verde pieno” che denota le zone che rimarrano regoliere, come si può vedere ad esempio nel foglio 3:

Foglio-3-Tre-Cime-di-Lavaredo

Foglio-3-Tre-Cime-di-Lavaredo

Nonostante così tante mappe la riportino, questa colorazione non è presente nella legenda fornita dal sito delle regole:

legenda

La legenda delle mappe dell’accordo col Comune

Per capire quale sia il rapporto tra i mappali interessati da questa colorazione, ho provveduto ad unire gran parte dei fogli pubblicati creando due mappe d’insieme dell’accordo, una che va dal gruppo del Cristallo fino in Ambata e l’altra che riguarda la zona di Pian de Sera, Val Baion e Val Poorse:

Accordo Regole Comune - Mappa d'insieme 1

CLICCA PER INGRANDIRE – Accordo Regole-Comune, mappa d’insieme 1: dal gruppo del Cristallo fino in Ambata

Accordo Regole Comune - Mappa d'insieme 2

CLICCA PER INGRANDIRE: Accordo Regole-Comune, mappa d’insieme 2: Pian de Sera, Val Baion, Val Poorse

A colpo d’occhio, ci si accorge subito delle 4 enormi chiazze color verde rigato, che riguardano tutta la sommità di Monte Piana, i piani di Lavaredo ed i ghiaioni delle Tre Cime, un’ampia zona che interessa i Cadini fino a lambire il lago di Misurina e il lago Antorno ed infine il versante settentrionale della Croda di Somprade; gli altri mappali rimangono invece isolati qua e là all’interno della mappa e viene da chiedersi quale sia il nesso tra tutte queste aree visto che hanno la stessa colorazione.

Spiegazioni poco convincenti

A questo proposito, durante l’incontro di presentazione dell’accordo del 10 dicembre 2016, mostrando i fogli di Monte Piana e delle Tre Cime il marigo di Villagrande, Bepi Monti, ha sostenuto che questa colorazione rappresentasse un “interesse storico” del Comune nei confronti di quelle aree, senza aggiungere altro.

Ma in cosa consiste questo presunto “interesse storico” del Comune, tanto che si è arrivati persino a cambiare colorazione ai mappali mandati giù in Regione?

Che interesse storico c’è in Val Pomadonna o nelle Crode di Ciampoduro?!

E infine, CHI ha deciso quali aree dovevano avere quella colorazione e quali invece potevano rimanere semplicemente verdi e quindi regoliere???

Eh sì, perchè queste sono tutte aree che fanno parte della partita catastale 402 alla stessa identica maniera. Bepi Monti ha poi sostenuto che sia le aree verdi “piene” che quelle “rigate” diventeranno regoliere…

Ma allora perchè nelle mappe ufficiali mandate giù in Regione ci sono due colorazioni diverse???

È evidente che le mappe stesse smentiscono le affermazioni del marigo: quelle aree non rimarranno regoliere come le altre, altrimenti avrebbero avuto anche loro il colore verde pieno.

Conclusioni

Nelle mappe dall’accordo tra Regole e Comune vi sono aree enormi che non rimarranno regoliere ma subiranno una sorte ignota, e lascia davvero perplessi la coincidenza tra l’errore della legenda e le spiegazioni poco convincenti del marigo di Villagrande: c’è forse qualcosa che i regolieri non devono sapere?

Il sito delle Regole auronzane al 01.03.2017

Da qualche tempo è apparso online il sito delle Regole d’Auronzo con tanto di mappe dell’accordo e una relazione sui presupposti legali che starebbero alla base di tale atto.

Dopo aver visto nei mesi scorsi cambiare le carte in tavola parecchie volte, sia per quanto riguarda le mappe che per i presupposti legali dell’accordo, abbiamo pensato di “fotografare” le informazioni sull’accordo fornite dal sito ad una certa data e di salvarle all’interno di questo blog rendendole disponibili per chiunque, in modo che la discussione abbia punti fermi: se avverranno delle modificazioni a tali informazioni, queste verranno opportunamente segnalate ai regolieri e starà ai consigli delle due Regole spiegarne le motivazioni.

Di seguito, ecco i dati e le mappe tratte dal sito regoleauronzo.it al 01.03.2017 alle ore 15: cliccando sulle immagini e sugli allegati è possibile visualizzare e scaricare i files.

 

HOME PAGE

http://regoleauronzo.it/

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-27-48

LO STATUTO DI VILLAGRANDE

http://regoleauronzo.it/di-villagrande.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-28-22

LO STATUTO DI VILLAPICCOLA

http://regoleauronzo.it/di-villapiccola.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-29-18

NOVITÀ/ASSEMBLEA 17.12.16

http://regoleauronzo.it/assemblea-17.12.16.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-30-24

NOVITÀ/BOZZA DI ACCORDO

http://regoleauronzo.it/bozza-di-accordo.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-31-07

NOVITÀ/MAPPE

http://regoleauronzo.it/mappe.html

Foto della pagina:screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-31-56

legenda

legenda

Allegati:

NOVITÀ/MAPPE MODIFICATE

http://regoleauronzo.it/mappe-modificate.html

Foto della pagina: screenshot-regoleauronzo-it-2017-03-01-15-32-32

Allegati:

NOTA: c’è un errore di denominazione per il foglio della val fonda che è l’11 e non il 119