Il primo passo verso la chiusura della strada delle Tre Cime

OA Casello Tre Cime

Il nuovo servizio di navette verso le Tre Cime darebbe finalmente un senso al maxi parcheggio di Misurina.

Ma per trovare conferma a questa ipotesi bisogna guardare al piano regolatore di Misurina e le Tre Cime: ogni opera da realizzare nella zona dev’essere infatti PREVISTA E MOTIVATA dal piano, compreso parcheggi e servizi di trasporto:

«Il Comune prevede la riorganizzazione della viabilità veicolare a fondo asfaltato, di accesso ai rifugi, incentivando la chiusura al traffico privato, attraverso l’istituzione di servizi alternativi o di bus-navetta e prevedendo all’inizio delle strade di accesso ai rifugi idonee aree di parcheggio»

Il piano, dunque, non solo ci conferma un possibile collegamento tra le opere in questione, ma ci rivela che il maxi parcheggio ed il servizio di navette potranno un giorno contribuire alla chiusura al traffico privato della strada delle Tre Cime, con conseguente rimozione del parcheggio sotto la Cima Ovest.

Quando ci saranno le condizioni, infatti, ci vorrà un attimo per convertire la funzione del servizio navette, da sostituto di corriere e autobus a sostituto di TUTTO il traffico verso il Rifugio Auronzo.

Allora, i 300 posti auto del maxi parcheggio di Misurina sostituiranno quelli in quota di chi viene da Auronzo e Cortina, lasciando al Sud Tirol il compito di sostituire i posti auto di chi viene dalla val Pusteria…

all’insegna della “cooperazione” con i comuni confinanti.

Annunci

Un Commento

  1. Pingback: Verso la chiusura della strada delle Tre Cime? - GognaBlog