Tre aree molto speciali che non rimarranno regoliere con l’accordo

Nell’articolo scorso abbiamo visto che, nelle mappe dell’accordo tra regole e Comune, esistono numerosi mappali con una colorazione verde rigato che non rimarranno regolieri, ma subiranno una sorte ignota. A ben vedere però, queste aree contengono cose molto speciali…

1 – Il parcheggio delle Tre Cime

Una delle aree color verde rigato più estese riguarda le crode, i ghiaioni ed i piani delle Tre Cime:

CLICCA PER INGRANDIRE

e proprio sul ghiaione della Cima Ovest c’è il parcheggio delle Tre Cime:

CLICCA PER INGRANDIRE

Come si può osservare, il parcheggio si trova in piena zona verde rigato e dunque non rimarrà regoliere con l’accordo, fatto confermato dalla stessa bozza d’accordo in cui non si parla affatto della proprietà del parcheggio, ma solo della percentuale sugli incassi che spetterebbero alle regole.

2 – Le piste da sci di Misurina

Altra area interessata dalla colorazione verde rigato è tutta la zona che sovrasta il lago di Misurina su fino ai Cadini. Se confrontiamo queste mappe con quelle fornite dal Piano Neve Regionale ci si accorge subito che le aree verde rigato corrispondono all’area dove si possono costruire nuove piste e nuovi impianti, il cosiddetto “demanio sciabile”:

CLICCA PER INGRANDIRE

Nonostante le piste da sci possano rimanere in gestione alle regole fruttando incassi di tutto rispetto, la colorazione verde rigato indica chiaramente che, con l’accordo, esse non rimarranno regoliere.

3 – La zona del lago Antorno

Un altro mappale da ben 52 ettari di estensione è di color verde rigato, nei pressi del lago Antorno:

CLICCA PER INGRANDIRE

Guardando la mappa fornita dalle regole, c’è da chiedersi cos’abbia di diverso questo mappale rispetto a quelli circostanti; a ben vedere però, anche i mappali in prossimità del lago presentano una situazione quanto mai anomala:

CLICCA PER INGRANDIRE

I mappali 33 e 11 sono infatti colorati di rosso, il colore delle aree parcheggio che le Regole intendono cedere al Comune, ma, osservando l’immagine satellitare, si nota chiaramente che le aree in rosso sono di gran lunga più estese dei parcheggi effettivamente esistenti.

A cosa serve al Comune un’area parcheggio così vasta al lago Antorno? Una possibile risposta l’abbiamo già imparata con il maxi parcheggio di Misurina: all’aumentare dei posti auto, si possono creare nuovi posti letto e quindi nuove strutture alberghiere, strutture che troverebbero la collocazione ideale proprio nell’area verde rigato posta di fronte al lago.

Conclusioni

Tutte le aree che abbiamo analizzato portano con sè forti interessi economici, interessi che le regole perderebbero tramite la firma dell’accordo: ne sono consapevoli i due consigli regolieri che hanno «lavorato mesi» sulle mappe??? A questo punto, è difficile credere il contrario.

Annunci