Il matrimonio tra Venezia e Bolzano si celebra a Misurina

Di tutta la querelle sul marchio Tre Cime Dolomiti, colpisce come sia la Regione Veneto che il Comune di Auronzo, invece di dare man forte alle motivazioni del Consorzio Turistico auronzano, si siano invece smarcati in fretta da qualsiasi intenzioni battagliera. Non c’è da sorprendersi: analizzando infatti il piano regolatore che Venezia ha predisposto per Misurina e le Tre Cime, ci si accorge come, tramite i fondi di confine, Provincia di Bolzano, Regione Veneto e Comune di Auronzo stiano lavorando per una progettualità comune e che quindi i tre non abbiano alcun interesse ad alimentare divisioni e rivendicazioni tra i paesi confinanti.

Il piano regolatore di Misurina e le Tre Cime

Nel 1999 il Consiglio Regionale Veneto approva il Piano d’Area di Auronzo-Misurina (PAAM), un piano regolatore regionale che interessa mezzo Comune di Auronzo e che si sovrappone al piano regolatore comunale: in pratica, tutto quello che può essere costruito all’interno del PAAM è Venezia a deciderlo, compresa ovviamente l’area di Misurina.

AREA PAAM

Il territorio del Comune di Auronzo ed i suoi piani regolatori

Nel Piano troviamo tutto ciò che l’attuale Amministrazione Comunale intende realizzare a Misurina con i fondi di confine, dalla ciclabile al parcheggio, tanto che si può tranquillamente affermare che il Comune di Auronzo si stia limitando a richiedere fondi per progetti pensati dalla Regione quasi vent’anni prima. Addirittura, tra le pieghe del PAAM troviamo proprio l’intenzione di riconvertire e ridimensionare la strada delle Tre Cime per permettere il traffico esclusivamente a bus-navetta, in vista di una sua chiusura definitiva.

I parcheggi e la trasformazione di Misurina

Il Piano intende stravolgere il turismo di Misurina trasformandolo da turismo “di passaggio” a turismo “stanziale”, aumentando il numero dei posti letto disponibili in loco e favorendo la creazione di attività ricettive di vario tipo. Aumentando però la ricettività di Misurina diventa necessario aumentare i posti auto: per questo nel PAAM sono previste enormi aree adibite a parcheggio, aree dove il Comune potrà costruire il parcheggio (o i parcheggi):

PARK SUD

Una delle aree parcheggio previste dalla Regione Veneto a Misurina

I parcheggi sono infatti le infrastrutture che vanno costruite per prime: essa costituiscono l’opera cardine della trasformazione di Misurina perchè, garantendo i posti auto necessari, consentiranno sia l’eventuale espansione delle attività turistiche esistenti che la nascita di nuove strutture ricettive.

Conclusioni

Alla luce del piano regolatore di Misurina e le Tre Cime, a Misurina si sta celebrando un vero e proprio “matrimonio” tra la Regione Veneto e la Provincia di Bolzano, con il Comune di Auronzo nel ruolo di ufficiante: Bolzano mette i soldi, Venezia le idee mentre il Comune di Auronzo sbriga le faccende burocratiche e, di fronte a questo quadretto, non stupisce che i fondi di confine abbiano dribblato le emergenze del paese per finire “misteriosamente” nel parcheggio di Misurina.

Il PAAM rafforza il sospetto che il parcheggio servirà, almeno inizialmente, per chiudere la strada delle Tre Cime, mentre in un secondo tempo tornerà utile per l’espansione urbana di Misurina, accontentando dunque sia il lato sud tirolese che quello veneto… peccato però che in questo sodalizio il Comune di Auronzo non disponga dei terreni di Misurina che sono invece, grazie alla sentenza Antonini, beni inalienabili degli auronzani… ma per superare questo intoppo è in arrivo l’accordo tra Regole e Comune.

Advertisements